Relazione sulla gestione di Saipem SpA

Risultati economici

Conto economico
          Variazione
(milioni di euro)
20102011assoluta 
Ricavi della gestione caratteristica  4.718  5.547  829  17,6 
Altri ricavi e proventi  40  86  46  115,0 
Costi operativi  (4.436)  (5.085)  (649)  14,6 
Altri proventi (oneri) operativi  - n.a. 
Ammortamenti e svalutazioni  (82)  (92)  (10)  12,2 
Utile operativo (EBITi 240  457  217  90,4 
Oneri finanziari netti  (64)  (67)  (3)  4,7 
Proventi netti su partecipazioni  - 293  293  n.a. 
Utile prima delle imposte  176  683  507  288,1 
Imposte sul reddito  (91)  (163)  (72)  79,1 
Utile netto  85  520  435  511,8 

I ricavi della gestione caratteristica ammontano a 5.547 milioni di euro, con un aumento del 17,6% rispetto all’esercizio precedente, a causa dei maggiori volumi di attività sviluppati nelle diverse aree di attività, come più in dettaglio commentato nel successivo paragrafo “Articolazione ricavi della gestione caratteristica”.
L’utile operativo (EBIT) è pari a 457 milioni di euro, in forte aumento rispetto a 240 milioni di euro del 2010 principalmente a causa del positivo andamento del settore E&C Onshore; l’andamento delle varie attività viene commentato in seguito, nel paragrafo “Utile operativo per aree di attività”.
La gestione finanziaria esprime oneri finanziari netti di 67 milioni di euro; la voce comprende oneri netti correlati all’indebitamento finanziario (40 milioni di euro), oneri netti su operazioni in derivati (48 milioni di euro), proventi su cambi (6 milioni di euro) e altri proventi finanziari da imprese controllate e collegate (15 milioni di euro).
I proventi netti da partecipazioni di 293 milioni di euro comprendono i dividendi da Saipem sa (125 milioni di euro), da Saipem International BV (114 milioni di euro) e da Snamprogetti International BV (53 milioni di euro) e la plusvalenza derivante dalla vendita della partecipazione in Acqua Campania SpA (1 milione di euro).
L’incremento dell’utile operativo e dei proventi da partecipazioni ha determinato un aumento dell’utile prima delle imposte, che ammonta a 683 milioni di euro (176 milioni di euro nel 2010). Le imposte sul reddito a carico dell’esercizio sono pari a 163 milioni di euro, in aumento di 72 milioni di euro rispetto al 2010. Il carico fiscale dell’esercizio include Ires per 67 milioni di euro, Irap per 28 milioni di euro, imposte assolte all’estero per 88 milioni di euro, imposte anticipate e differite per 8 milioni di euro, al netto di rettifiche e recupero d’imposte per 25 milioni di euro e utilizzi netti di fondi per imposte per 3 milioni di euro.
L’utile netto conseguentemente ammonta a 520 milioni di euro, con un incremento di 435 milioni di euro rispetto all’esercizio precedente.

Articolazione ricavi della gestione caratteristica

 
      Incidenza %
(milioni di euro)  Valori 2010  Valori 2011  Variazione  2010  2011 
Engineering & Construction Offshore  1.305  1.747  442  28  31 
Engineering & Construction Onshore  2.775  3.079  304  59  56 
Drilling Offshore  359  432  73 
Drilling Onshore  279  289  10 
  4.718  5.547  829  100  100 
Italia        13 
Estero        87  91 
        100  100 
Gruppo Eni        52  45 
Terzi        48  55 
        100  100 

I ricavi Engineering & Construction Offshore aumentano rispetto al 2010 essenzialmente per la maggiore attività svolta in Nord Europa (progetto Nord Stream) e in Kazakhstan.

Il settore Engineering & Construction Onshore ha rappresentato il 56% dei ricavi totali, con un aumento di 304 milioni di euro rispetto al 2010 riconducibile principalmente al progetto Shah negli Emirati; le aree del Medio Oriente e dell’Algeria sono state quelle che hanno contribuito maggiormente ai ricavi del periodo.

Il settore Drilling Offshore ha consuntivato ricavi per 432 milioni di euro (359 milioni di euro nell’esercizio precedente); i lavori hanno interessato principalmente le aree dell’offshore angolano e norvegese.

I ricavi del segmento Drilling Onshore passano da 279 milioni di euro a 289 milioni di euro; i lavori hanno interessato principalmente le aree del Kazakhstan e dell’Algeria.

I ricavi sono stati realizzati per il 91% all’estero (87% nel 2010) e per il 45% con società del Gruppo Eni (52% nel 2010).

Utile operativo (EBIT) per aree di attività

 
    Variazione  
(milioni di euro)  2010  2011  assoluta 
Engineering & Construction Offshore  54  53  (1)  (1,9) 
Engineering & Construction Onshore  124  299  175  141,1 
Drilling Offshore  48  54  12,5 
Drilling Onshore  14  51  37  264,3 
Utile operativo (EBIT)  240  457  217  90,4 

L’utile operativo (EBIT) 2011 del segmento Engineering & Construction Offshore ammonta a 53 milioni di euro, pari al 3% dei ricavi, sostanzialmente in linea con il 2010 (54 milioni di euro, pari al 4,1% dei ricavi).

L’utile operativo (EBIT) 2011 dell’Engineering & Construction Onshore ammonta a 299 milioni di euro, pari al 9,7% dei ricavi, rispetto a 124 milioni di euro del 2010, pari al 4,5% dei ricavi.
L’aumento è principalmente ascrivibile a un’ottima efficienza operativa su progetti in avanzato stato di completamento.

L’utile operativo (EBIT) 2011 del segmento Drilling Offshore ammonta a 54 milioni di euro, pari al 12,5% dei ricavi, rispetto a 48 milioni di euro del 2010, pari al 13,4% dei ricavi.

L’utile operativo (EBIT) 2011 del Drilling Onshore ammonta a 51 milioni di euro, pari al 17,6% dei ricavi, rispetto a 14 milioni di euro del 2010, pari al 5% dei ricavi. L’incremento è determinato principalmente da una maggiore efficienza operativa e da un più elevato utilizzo degli impianti.